Informatica, strumenti e metodi per far crescere il tuo business

 

          

Dichiarazioni d'intento: nuovi controlli

Dal 1° gennaio 2022 cambieranno le regole per la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere e verrà reso obbligatorio l’utilizzo di appositi campi del tracciato Xml per comunicare le informazioni relative alle lettere d’intento ricevute.  

L’Agenzia delle Entrate, con due distinti provvedimenti (n.293384 e n.293390), ha individuato le modalità operative di compilazione delle fatture elettroniche cui i soggetti passivi dovranno attenersi per far fronte ai nuovi adempimenti richiesti. 

Operazioni transfrontaliere 

Dal 1° gennaio 2022 (salvo proroga al 1° luglio 2022, già inserita nel decreto fiscale da approvare a fine anno), i dati delle operazioni verso e da soggetti non stabiliti in Italia dovranno essere obbligatoriamente inviati utilizzando il tracciato Xml della e-fattura. 

Per quanto riguarda le fatture emesse continueranno a prevedere l’indicazione del codice convenzionale a sette “X” nel campo “Codice destinatario” mentre per le operazioni passive estere l’integrazione o l’autofattura andranno inviate utilizzando i tipi documento TD17, TD18 e TD19.  

Lettere di intento 

A decorrere dal 1° gennaio 2022, i soggetti che intendono effettuare acquisti non imponibili Iva, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, trasmettendo all’Agenzia delle entrate per via telematica una dichiarazione d’intento, verranno sottoposti ad ulteriori procedure di analisi di rischio e di controllo, allo scopo di verificare il possesso dei requisiti per esser qualificati esportatori abituali, ai sensi dall’articolo 1, comma 1, lettera a), D.L. 746/1983, convertito, con modificazioni, dalla L. 17/1984. 

La legge di Bilancio 2021 infatti prevede una serie di specifiche analisi di rischio per un maggior contrasto alle frodi che utilizzano un falso plafond Iva. Sono rafforzati i controlli allo scopo di verificare l’effettivo possesso dei requisiti per essere qualificati esportatori abituali e viene inibita l’emissione di fatture elettroniche che, all’interno del tracciato Xml, contengano l’indicazione di un numero di protocollo relativa a una lettera d’intento invalidata.  

Operativamente: 

Dal 1° gennaio 2022 il provvedimento direttoriale richiede oltre all’indicazione nel campo Natura del codice specifico “N3.5 – Non imponibile a seguito di dichiarazioni di intento” che dovrà essere compilato lo specifico blocco 2.2.1.16 per ogni dichiarazione d’intento, come di seguito specificato: 

  • nel campo 2.2.1.16.1 deve essere riportata la dicitura “INTENTO” 
  • nel campo 2.2.1.16.2 deve essere riportato il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento e il suo progressivo separato dal segno "-" oppure dal segno "/" ( es. 08060120341234567-000001) 
  • nel campo 2.2.1.16.4 deve essere riportata la data della ricevuta telematica rilasciata dall’Agenzia delle entrate e contenente il protocollo della dichiarazione d’intento. 

Aree di intervento e le attività di controllo 

In particolare, la norma ha introdotto due macro-aree di intervento: 

  • attivare specifiche analisi di rischio e conseguenti attività di controllo allo scopo di inibire il rilascio e invalidare le lettere d’intento illegittime da parte di falsi esportatori abituali; 
  • Impedire l’emissione della fattura elettronica recante il titolo di non imponibilità ai fini Iva ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, nel caso in cui questa riporti un numero di protocollo relativo a una lettera d’intento invalidata. 

L’Agenzia delle Entrate invierà al soggetto emittente una comunicazione che riporta il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento invalidata e le relative motivazioni. La comunicazione sarà trasmessa mediante messaggio di posta elettronica certificata. 

L’attività di controllo può portare anche al divieto di emissione di nuove dichiarazioni d’intento: in tal caso, viene rilasciata una ricevuta di scarto contenente indicazioni delle motivazioni che hanno causato l’inibizione e l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate a cui il contribuente potrà presentare la documentazione per dimostrare il possesso dei requisiti dell’esportatore abituale. 

L’offerta di Punto Informatico

I nostri gestionali, come eBridge e Openmanager, sono già predisposti per la corretta emissione delle fatture elettroniche con l’indicazione dei dati della dichiarazione d’intento nello specifico blocco previsto dall’Agenzia delle Entrate e per l’emissione automatica delle autofatture per le operazioni transfrontaliere.

 

Rimani aggiornato su eventi e news!

Ultime News

Le scadenze del mese

Gennaio 2022

I termini e le scadenze fiscali per gli adempimenti previsti nel mese di gennaio

Storie di successo

Studio dott. Cateni: un partner per la tua efficienza

Investire sulla propria professionalità: I momenti cruciali e le decisioni che hanno fatto diventare un cliente una storia di successo.

Selection hardware del mese

Selection di Gennaio 2022

Abbiamo selezionato i migliori PC e notebook in promozione per te

Il prodotto del mese

Il prodotto del mese di gennaio

Questo mese lo dedichiamo al software gestionale OpenManager

Cosa cerchi?

A chi ci rivolgiamo

Vuoi conoscerci meglio? O chiederci informazioni su un prodotto?


Punto Informatico Srl - Via Trieste 89, 31020 Villorba TV

C.F. - P.IVA 03204990265 - Ufficio delle imprese di TV - REA 227660 - Capitale sociale e quota versata € 10.400,00

Telefono: +39 0422 303171 - e-mail: info@pitv.it - PEC: pec@pec.pitv.it