Azione in corso...
facebook linkedIN YouTube

Dichiarazioni d'intento: nuovi controlli

Dal 1° gennaio 2022 cambieranno le regole per la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere e verrà reso obbligatorio l’utilizzo di appositi campi del tracciato Xml per comunicare le informazioni relative alle lettere d’intento ricevute.  

L’Agenzia delle Entrate, con due distinti provvedimenti (n.293384 e n.293390), ha individuato le modalità operative di compilazione delle fatture elettroniche cui i soggetti passivi dovranno attenersi per far fronte ai nuovi adempimenti richiesti. 

Operazioni transfrontaliere 

Dal 1° gennaio 2022 (salvo proroga al 1° luglio 2022, già inserita nel decreto fiscale da approvare a fine anno), i dati delle operazioni verso e da soggetti non stabiliti in Italia dovranno essere obbligatoriamente inviati utilizzando il tracciato Xml della e-fattura. 

Per quanto riguarda le fatture emesse continueranno a prevedere l’indicazione del codice convenzionale a sette “X” nel campo “Codice destinatario” mentre per le operazioni passive estere l’integrazione o l’autofattura andranno inviate utilizzando i tipi documento TD17, TD18 e TD19.  

Lettere di intento 

A decorrere dal 1° gennaio 2022, i soggetti che intendono effettuare acquisti non imponibili Iva, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, trasmettendo all’Agenzia delle entrate per via telematica una dichiarazione d’intento, verranno sottoposti ad ulteriori procedure di analisi di rischio e di controllo, allo scopo di verificare il possesso dei requisiti per esser qualificati esportatori abituali, ai sensi dall’articolo 1, comma 1, lettera a), D.L. 746/1983, convertito, con modificazioni, dalla L. 17/1984. 

La legge di Bilancio 2021 infatti prevede una serie di specifiche analisi di rischio per un maggior contrasto alle frodi che utilizzano un falso plafond Iva. Sono rafforzati i controlli allo scopo di verificare l’effettivo possesso dei requisiti per essere qualificati esportatori abituali e viene inibita l’emissione di fatture elettroniche che, all’interno del tracciato Xml, contengano l’indicazione di un numero di protocollo relativa a una lettera d’intento invalidata.  

Operativamente: 

Dal 1° gennaio 2022 il provvedimento direttoriale richiede oltre all’indicazione nel campo Natura del codice specifico “N3.5 – Non imponibile a seguito di dichiarazioni di intento” che dovrà essere compilato lo specifico blocco 2.2.1.16 per ogni dichiarazione d’intento, come di seguito specificato: 

  • nel campo 2.2.1.16.1 deve essere riportata la dicitura “INTENTO” 
  • nel campo 2.2.1.16.2 deve essere riportato il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento e il suo progressivo separato dal segno "-" oppure dal segno "/" ( es. 08060120341234567-000001) 
  • nel campo 2.2.1.16.4 deve essere riportata la data della ricevuta telematica rilasciata dall’Agenzia delle entrate e contenente il protocollo della dichiarazione d’intento. 

Aree di intervento e le attività di controllo 

In particolare, la norma ha introdotto due macro-aree di intervento: 

  • attivare specifiche analisi di rischio e conseguenti attività di controllo allo scopo di inibire il rilascio e invalidare le lettere d’intento illegittime da parte di falsi esportatori abituali; 
  • Impedire l’emissione della fattura elettronica recante il titolo di non imponibilità ai fini Iva ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, nel caso in cui questa riporti un numero di protocollo relativo a una lettera d’intento invalidata. 

L’Agenzia delle Entrate invierà al soggetto emittente una comunicazione che riporta il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento invalidata e le relative motivazioni. La comunicazione sarà trasmessa mediante messaggio di posta elettronica certificata. 

L’attività di controllo può portare anche al divieto di emissione di nuove dichiarazioni d’intento: in tal caso, viene rilasciata una ricevuta di scarto contenente indicazioni delle motivazioni che hanno causato l’inibizione e l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate a cui il contribuente potrà presentare la documentazione per dimostrare il possesso dei requisiti dell’esportatore abituale. 

L’offerta di Punto Informatico

I nostri gestionali, come eBridge e Openmanager, sono già predisposti per la corretta emissione delle fatture elettroniche con l’indicazione dei dati della dichiarazione d’intento nello specifico blocco previsto dall’Agenzia delle Entrate e per l’emissione automatica delle autofatture per le operazioni transfrontaliere.

 

Rimani aggiornato su eventi e news!

Ultime News

Le scadenze del mese

Agosto 2022

I termini e le scadenze fiscali per gli adempimenti previsti nel mese di agosto

Storie di successo

Azienda Agricola Lucchese: un'agraria verso l'informatizzazione

Azienda Agraria che offre ai propri clienti il servizio di monitoraggio dei fitofarmaci cono sistemi informatizzati per adempiere agli obblighi derivanti dalla normativa.

Selection hardware del mese

Selection di Agosto 2022

Abbiamo selezionato i migliori PC e notebook in promozione per te

La soluzione del mese

Qui Fattura

Questo mese lo dedichiamo al software per gestire la fattura elettronica e trasferirla in contabilità

Punto Informatico Srl - Via Trieste 89, 31020 Villorba TV
C.F. - P.IVA 03204990265 - Ufficio delle imprese di TV - REA 227660 - Capitale sociale e quota versata € 10.400,00
Telefono: +39 0422 303171 - e-mail: info@pitv.it - PEC: pec@pec.pitv.it