Informatica, strumenti e metodi per far crescere il tuo Business

La fine dell’anno in magazzino

Le operazioni di fine anno per quantificare in modo corretto le rimanenze di magazzino.

Dicembre per molti vuol dire Natale ma per chi si occupa della contabilità di magazzino vuol dire anche inventario e valutazione delle rimanenze di magazzino. 

Siamo pronti a chiudere come si deve questo 2020? Ma soprattutto siamo pronti ad iniziare con il piede giusto il 2021?

La contabilità di magazzino non è obbligatoria per tutte le imprese ma… 

Anche se l’impresa non è obbligata a tenere la contabilità di magazzino, deve in ogni caso procedere alla compilazione del prospetto delle rimanenze di fine anno.

La valutazione delle rimanenze ha lo scopo quindi di verificare la corrispondenza delle reali giacenze di magazzino con le risultanze dei dati contabili sia a quantità che a valore

Perché prima che al cenone è importante pensare all’inventario di magazzino?

Le scorte sono uno dei beni più importanti di tutte le imprese manifatturiere. Si stima che mediamente esse incidano per il 20% sul valore del magazzino e per l’1,8-2,3% sul fatturato aziendale (tali valori possono essere maggiori o minori a seconda della tipologia di azienda, settore, mercato).

Questo è uno dei motivi per cui le aziende decidono di svolgere l’inventario: quantificare il capitale costituito da tutte le merci presenti in magazzino.

 

Non rimanere bloccato in questo 2020 segui con Punto Informatico un Webinar di Formazione che ti guida nel percorso di chiusura dell’anno 2020 e di apertura dell’anno 2021. 

Il 10 dicembre riguarda come:

  • Effettuare la procedura di passaggio anno
  • Chiudere e aprire scritture contabili 
  • Inserire il credito Iva nell’esercizio precedente 
  • Fare l’inventario di magazzino e l’inserimento dell’inventario 
  • Fare la valutazione delle rimanenze di fine anno

ISCRIVITI QUI