Informatica, strumenti e metodi per far crescere il tuo business

 

          

Scadenze fiscali - Settembre 2021

15 settembre 2021

 

Sono tenute all'adempimento le associazioni sportive dilettantistiche di cui all'art. 25, comma 1 L. n. 133/1999 (comprese le associazioni senza scopo di lucro e le pro-loco) che hanno effettualo l'opzione al regime di cui all'art. 1 della L. 16/12/1991 n. 398.

Le associazioni sportive dilettantistiche con proventi commerciali nell'anno precedente fino a euro 250.000 devono annotare l'ammontare dei corrispettivi e dei proventi conseguiti nell'esercizio dell'attività commerciale, con riferimento al mese precedente. 

Le annotazioni devono essere fatte su apposito registro approvato con D.M. 11/02/1997, opportunamente integrato.

Riferimenti normativi:

  • L. 16/12/1991, n. 398;
  • D.M. 11/02/1997;
  • L. 13/05/1999 n. 133, art. 25;
  • D.P.R. 30/12/1999 n. 544, art. 9;
  • L. 27/12/2002 n. 289, art. 90, co. 2;
  • Risoluzione 07/11/2006, n. 123/E;
  • Risoluzione 16/05/2006, n. 63/E;
  • Circolare 08/03/2000, n. 43/E

Termine ultimo per l'emissione e la registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese precedente e risultanti da documenti di accompagnamento. La registrazione deve avvenire con riferimento al mese di effettuazione. L'Agenzia delle Entrate nella guida alla E-fattura specifica che "dal punto di vista operativo, questa disposizione può consentire all’utente di avere più tempo per predisporre e trasmettere al SdI la fattura elettronica, fermo restando l’obbligo di rilasciare al cliente – al momento dell’operazione – un documento di trasporto o altro documento equipollente anche su carta".

Sono tenuti all'adempimento imprese ed esercenti arti e professioni soggetti ad IVA.

Termine ultimo per il versamento, senza alcuna maggiorazione dei versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi, Irap e Iva la cui scadenza originaria è compresa tra il 30.06.2021 ed il 31.08.2021.

16 settembre 2021

 

Addizionale comunale e regionale IRPEF

Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (articolo 23 D.P.R. n. 600/1973).

Termine ultimo per il versamento dell'addizionale comunale e regionale all'IRPEF trattenuta ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente. 

Il versamento riguarda: 

  • la rata relativa alle operazioni di conguaglio di fine anno; 
  • l'intero importo trattenuto a seguito delle operazioni di cessazione del rapporto di lavoro

La sanzione amministrativa per l'omesso o insufficiente versamento di imposte è pari al 30% dell'ammontare non versato, con possibilità di ravvedimento. 

Il codice tributo da utilizzare è:

  • 3848: Addizionale comunale all'IRPEF trattenuta dal sostituto d'imposta. Saldo
  • 3802: Addizionale regionale all'imposta sul reddito delle persone fisiche sostituti d'imposta

Riferimenti normativi:

  • D.P.R. 29/09/1973, n. 600, art. 23 e 24; 
  • D.Lgs. 15/12/1997, n. 446, art. 50; 
  • D.Lgs. 28/09/1998, n. 360, art. 1; 
  • Risoluzione 29/07/1999, n. 128/E
  • Risoluzione 24/07/2002, n. 248/E; 
  • Risoluzione 21/09/2007, n. 261/E; 
  • Circolare 20/04/2007, n. 23/E; 
  • Circolare 16/03/2007, n. 15/E

Addizionale StockOption

Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (art. 23 D.P.R. n. 600/1973).

Termine ultimo per il versamento dell'addizionale sui compensi corrisposti il mese precedente sotto forma di bonus e stock options, che eccedono il triplo della parte fissa della retribuzione, attribuiti ai dipendenti che rivestono la qualifica di dirigenti nel settore finanziario nonché ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nello stesso settore.

I codici tributo sono i seguenti:

  • 1033: Addizionale operata dal sostituto d'imposta su compensi erogati a titolo di bonus e stock options; 
  • 1054: Addizionale operata dal sostituto d'imposta su compensi erogati a titolo di bonus e stock options maturati in Sicilia e versata fuori regione; 
  • 1055: Addizionale operata dal sostituto d'imposta su compensi erogati a titolo di bonus e stock options maturati in Sardegna e versata fuori regione; 
  • 1056: Addizionale operata dal sostituto d'imposta su compensi erogati a titolo di bonus e stock options maturati in Valle d'Aosta e versata fuori regione; 
  • 1059: Addizionale operata dal sostituto d'imposta su compensi erogati a titolo di bonus e stock options versati in Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta e maturati fuori dalle predette regioni; 
  • 1684: Addizionale su compensi erogati a titolo di bonus e stock options di cui all'articolo 33 del d.l. n. 78/2010, versamento in autotassazione

Imposta sostitutiva sui premi di produttività

Termine ultimo per il versamento imposta sostitutiva sulle somme erogate ai dipendenti, nel mese precedente, in relazione a incrementi di produttività, innovazione ed efficienza legati all'andamento economico delle imprese (art. 1, co. 481-482 L. n. 228/2012).

Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (articolo 23 D.P.R. n. 600/1973).

I codici da utilizzare sono i seguenti:

  • 1053: Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi accessori del reddito da lavoro dipendente; 
  • 1604: Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi accessori del reddito da lavoro dipendente, maturati in Sicilia e versata fuori regione; 
  • 1904: Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi accessori del reddito da lavoro dipendente, maturati in Sardegna e versata fuori regione; - 1905: Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi accessori del reddito da lavoro dipendente, maturati in Valle d'Aosta e versata fuori regione; 
  • 1305: Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi accessori del reddito da lavoro dipendente, versata in Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta e maturata fuori delle predette regioni

Imposta di fabbricazione e consumo

Sono tenuti all'adempimento i soggetti obbligati al versamento delle accise (titolari dei depositi fiscali e, in solido, i soggetti garanti di tale pagamento o soggetti nei cui confronti si verificano i presupposti per l'esigibilità dell'imposta).

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:

  • 2802: Accisa spiriti; 
  • 2803: Accisa birra; 
  • 2804: Accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi; 
  • 2805: Accisa gas petroliferi liquefatti; 
  • 2806: Accisa sull'energia elettrica; - 
  • 2807: Addizionale energia elettrica D.L. 28.11.88, n. 511; 
  • 2808: Addizionale energia elettrica D.L. 30.9.89, n. 332;  
  • 2809: Accisa sul gas naturale per autotrazione;  
  • 2810: Maggiori proventi addizionali energia elettrica D.L. 30.09.89; 
  • 2811: Maggiori proventi addizionali energia elettrica D.L.28.11.88, n.511; 
  • 2812: Denaturanti e prodotti soggetti a I.F. - Contrassegni di Stato; 
  • 2813: Diritti di licenza sulle accise e imposte di consumo; 
  • 2814: Accisa sul gas naturale per combustione; 
  • 2815: Imposta di fabbricazione sui sacchetti di plastica; 
  • 2816: Imposta di consumo su oli lubrificanti e bitume; 
  • 2817: Tassa emissione di anidride solforosa e ossido di azoto; 
  • 2818: Entrate accise eventuali e diverse; 
  • 2819: Imposta sui consumi di carbone, coke di petrolio e bitume;
  • 2837: Accisa sul gasolio per uso autotrazione, immesso in consumo nel territorio nazionale, spettante alle regioni a statuto ordinario - Legge n. 244/2007, art. 1, c. 298; 
  • 2845: Accisa sul carbone, lignite e coke di carbon fossile utilizzati per carburazione o combustione. Art. 21, c. 2, lett. h, D.Lgs. 504/1995; 
  • 2846: Accisa sugli oli e grassi animali e vegetali utilizzati per carburazione o combustione. Art. 21, c. 2, lett. a, D.Lgs. 504/1995; 
  • 2847: Accisa sull'alcole metilico utilizzato per carburazione o combustione. Art. 21, c. 2, lett. d, D.Lgs. 504/1995

Imposta sugli intrattenimenti

Termine ultimo per il versamento dell'imposta sugli intrattenimenti per le attività di carattere continuativo svolte nel mese precedente.

Sono tenuti all'adempimento i soggetti che esercitano attività di intrattenimento o altre attività indicate nella Tariffa allegata al D.P.R. n. 640/1972 in modo continuativo.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

Il codice tributo da utilizzare è il seguente:

  • 6728: Imposta sugli intrattenimenti per autoliquidazione

Imposta sulle assicurazioni

Termine ultimo per il versamento dell'imposta sulle assicurazioni dovuta sui premi e accessori incassati nel mese di giugno nonché eventuali conguagli dell'imposta dovuta sui premi e accessori incassati nel secondo mese precedente.

Sono tenute all'adempimento le imprese di assicurazione.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:

  • 3354: Imposta sulle assicurazioni - Erario - art. 4-bis, comma 5 e art. 9, comma 1, legge 29 ottobre 1961, n. 1216;
  • 3356: Imposta sulle assicurazioni RC auto - Province - art. 60 d.lgs. 15 dicembre 1997, n. 446;
  • 3357: Contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto - art. 11-bis L. 990/1969, art. 334, D.lgs. 7 settembre 2005, n. 209;
  • 3358: Contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto - Friuli Venezia Giulia - Art. 52, commi 4 e 5, legge 448/2001;
  • 3359: Contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto - Trento - art. 2, comma 110, legge 191/2009;
  • 3360: Contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto - Bolzano - art. 2, comma 110, legge 191/2009;
  • 3361: Contributo al Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura - aumento aliquota - art. 18, comma 1, legge 23 febbraio 1999, n. 44;
  • 3362: Sanzioni sulle somme dovute a titolo di imposta e contributi in applicazione delle disposizioni tributarie sulle assicurazioni ed i contratti vitalizi di cui alla L. 29 ottobre 1961, n. 1216

 

 

Ritenute locazioni brevi - Versamento

Termine ultimo per il versamento delle ritenute operate sui pagamenti delle locazioni brevi avvenuti nel mese precedente.

Sono tenuti all'adempimento i soggetti che fanno intermediazione immobiliare, anche mediante portali online.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24 

NB: Per consentire la corretta indicazione nel modello F24 del rappresentante fiscale tenuto al versamento per conto degli intermediari e degli altri soggetti non residenti nel territorio dello stato, ovunque localizzati, privi di stabile organizzazione in Italia, è stato istituito il codice identificativo "72" denominato "rappresentante fiscale".

I codici tributo da utilizzare:

  • 1919 Ritenuta operata all'atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve - articolo 4,comma 5, decreto legge 24 Aprile 2017, n. 50.

Ritenute su appalti e subappalti

Il comma 1 introduce l'art. 17bis del D.Lgs. 241/1997 introducendo a carico dei committenti "di opere e servizi  di importo complessivo annuo superiore a 200.000 euro - tramite contratti di appalto, subappalto, affidamento a soggetti consorziati o rapporti negoziali comunque denominati caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente con l'utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente con l'utilizzo dei beni strumentali di proprietà di quest'ultimo o ad esso riconducibili in qualunque forma - l'obbligo di richiedere copia delle deleghe di pagamento relative al versamento delle ritenute trattenute dall'impresa appaltatrice o affidataria e dalle imprese subappaltatrici ai lavoratori direttamente impiegati nell'esecuzione dell'opera o del servizio. Il versamento delle ritenute di cui al periodo precedente è effettuato dall'impresa appaltatrice o affidataria e dall'impresa subappaltatrice, con distinte deleghe per ciascun committente, senza possibilità di compensazione, salvo i casi previsti dal comma 5".

Secondo il comma 2 del citato art. 4 "entro 5 giorni lavorativi successivi alla scadenza del versamento , l'impresa appaltatrice o affidataria e le imprese subappaltatrici trasmettono al committente e - per le imprese subappaltatrici anche all'impresa appaltatrice le deleghe quietanzate e un elenco nominativo di tutti i lavoratori, identificati mediante codice fiscale, impiegati nel mese precedente direttamente nell'esecuzione delle opere o servizi affidati al committente, con il dettaglio delle ore di lavoro prestate da ciascun percipiente in esecuzione dell'opera o del servizio affiato, l'ammontare della retribuzione corrisposta al dipendente collegata a tale prestazione e il dettaglio delle ritenute fiscali eseguite nel mese precedente nei confronti di tale lavoratore, con separata indicazione di quelle relative alla prestazione affidata al committente"

Alla luce di quanto indicato dai citati commi 1 e 2 l'Agenzia delle Entrate rileva che:

  • l'impresa appaltatrice pone in capo a sè l'onere del versamento delle ritenute con distinte deleghe per ciascun committente;
  • il committente è obbligato alla verifica del versamento delle stesse ed è tenuto a richiedere la copia delle deleghe di versamento entro 5 giorni lavorativi successivi alla scadenza del versamento;
  • l'impresa appaltatrice deve, inoltre, trasmettere l'elenco dei lavoratori impiegati sull'opera al committente secondo le indicazioni citate nel comma 2 della norma.

Ritenute su bonifici ristrutturazioni edilizie e spese per risparmio energetico

Sono tenuti all'adempimento gli Istituti di credito e le Poste Italiane.

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sui bonifici effettuati nel mese precedente.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

Il codice tributo da utilizzare é il seguente:

  • 1039: Ritenuta operata da Banche e poste italiane spa all'atto dell'accredito dei pagamenti relativi a bonifici disposti per beneficiare di oneri deducibili e detrazioni d'imposta ai sensi dell'art. 25 del D.L. n. 78/2010

Sanzione amministrativa: 

  • omesso o insufficiente versamento di ritenute: sanzione pari al 30% dell'ammontare non versato; 
  • omessa o insufficiente effettuazione di ritenute: sanzione pari al 20% dell'importo non trattenuto.

Riferimenti normativi

  • Legge 27 dicembre 1997, n. 449, art. 1; 
  • Legge 27 dicembre 2006, n. 296, art. 1, commi 344-349; 
  • D.L. 31/05/2010, n. 78, art. 25; 
  • Legge 190/2014 art. 1 comma 657- Provv. Agenzia entrate 30/06/2010; 
  • Risoluzione 04/01/2011, n. 3/E; 
  • Risoluzione 04/01/2011, n. 2/E; 
  • Circolare 28/07/2010, n. 40/E; 
  • Risoluzione 30/06/2010, n. 65/E.

Ritenute su pignoramenti presso terzi

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sui pignoramenti presso terzi relative al mese precedente.

Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (art. 23 D.P.R. n. 600/1973)

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

Il codice tributo da utilizzare per il versamento è il seguente:

  • 1049: ritenuta operata a titolo d'acconto Irpef dovuta dal creditore pignoratizio, su somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi - art. 21, c. 15. Legge n. 449/97, come modif. dall'art. 15, c. 2 , D.L. n. 78/09

Ritenute su polizze vita

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sugli importi corrisposti nel mese precedente relativi a: 

  • proventi di polizze vita (esclusa morte).

Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (imprese di assicurazione). Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

Il codice tributo da utilizzare è il seguente:

  • 1050: ritenute su premi riscossi in caso di riscatto di assicurazione sulla vita 

Ritenute su prestazioni effettuate nei confronti dei condomini

Termine ultimo per il versamento delle ritenute del 4% sulle corresponsioni effettuate nel mese precedente relative a prestazioni su contratti di appalto di opere o servizi effettuate nell'esercizio di impresa.

Sono tenuti all'adempimento i condomini in qualità di sostituti d'imposta (articolo 23 D.P.R. n. 600/1973).

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24 con modalità telematica.

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:

  • 1019: ritenute del 4% operate dal condominio quale sostituto d'imposta a titolo di acconto dell'IRPEF dovuta dal percipiente; 
  • 1020: ritenute del 4% operate all'atto del pagamento da parte del condominio quale sostituto d'imposta a titolo di acconto dell'IRES dovuta dal percipiente.

Ritenute su provvigioni agenti e indennità cessazione di rapporti

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sugli importi pagati nel mese solare precedente relativi a: 

  • provvigioni per prestazioni abituali di agenti, rappresentanti, mediatori, commissionari, procacciatori d'affari e per prestazioni occasionali; 
  • provvigioni per prestazioni degli incaricati alle vendite a domicilio; 
  • indennità per la cessazione di rapporti di agenzia; 
  • indennità per la cessazione di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Sono tenuti all'adempimento i sostituti d'imposta (articolo 23 D.P.R. n. 600/1973, salvo particolari soggetti esclusi - es. imprese agricole, agenzie di viaggio, ecc.).

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:

  • 1040: provvigioni per prestazioni abituali di agenti, rappresentanti, mediatori, commissionari, procacciatori d'affari e per prestazioni occasionali; 
  • 1040: provvigioni per prestazioni degli incaricati alle vendite a domicilio; 
  • 1040: indennità per la cessazione di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

Ritenute su redditi da lavoro dipendente e assimilato

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sulle corresponsioni effettuate nel mese precedente relative a: 

  • salari, stipendi, pensioni, ecc.; 
  • prestazione fondi pensione; 
  • mance dei croupiers; 
  • emolumenti arretrati e redditi di lavoro dipendente corrisposti a eredi (escluso Tfr); 
  • pensioni, vitalizi e indennità per la cessazione di cariche elettive; 
  • compensi ai soci lavoratori di cooperative; 
  • rendite vitalizie a tempo determinato; 
  • compensi corrisposti da terzi a dipendenti per incarichi in relazione a tale qualità; 
  • altri assegni periodici di cui all'art. 50, co. 1, lett. i, D.P.R. n. 917/1986; 
  • indennità e gettoni di presenza per cariche elettive e per l'esercizio di funzioni pubbliche; 
  • borse di studio e assegni corrisposti per fini di studio o addestramento professionale; 
  • redditi di collaborazione coordinata e continuativa, amministratori, sindaci e revisori di società; 
  • collaborazioni a giornali, riviste ecc.; 
  • distributori a domicilio di giornali; 
  • indennità di fine rapporto ed equipollenti
  • Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

I codici tributo da utilizzare per effettuare il versamento sono:

  • 1001: salari, stipendi, pensioni, ecc.; 
  • 1001: prestazione fondi pensione; 
  • 1001: mance dei croupiers; 
  • 1002: emolumenti arretrati e redditi di lavoro dipendente corrisposti a eredi (escluso Tfr); 
  • 1004: pensioni, vitalizi e indennità per la cessazione di cariche elettive; 
  • 1004: compensi ai soci lavoratori di cooperative; 
  • 1004: rendite vitalizie a tempo determinato; 
  • 1004: compensi corrisposti da terzi a dipendenti per incarichi in relazione a tale qualità; 
  • 1004: altri assegni periodici di cui all'art. 50, co. 1, lett. i, D.P.R. n. 917/1986; 
  • 1004: indennità e gettoni di presenza per cariche elettive e per l'esercizio di funzioni pubbliche; 
  • 1004: borse di studio e assegni corrisposti per fini di studio o addestramento professionale; 
  • 1004: redditi di collaborazione coordinata e continuativa, amministratori, sindaci e revisori di società; 
  • 1004: collaborazioni a giornali, riviste ecc.; 
  • 1004: distributori a domicilio di giornali; 
  • 1012: indennità di fine rapporto ed equipollenti

Ritenute su redditi di lavoro autonomo, abituale, occasionale, diritti d'autore e simili

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sugli importi pagati nel mese solare precedente relativi a: 

  • compensi di qualsiasi natura per prestazioni di lavoro autonomo abituale; 
  • compensi per prestazioni occasionali (salvo che si tratti di compensi di importo inferiore a euro 25,82 corrisposti da enti non commerciali); 
  • compensi corrisposti ad associati in partecipazione che apportano solo lavoro; 
  • cessione di diritti d'autore da parte degli stessi autori o da parte di eredi o donatari; 
  • diritti e opere dell'ingegno, ceduti da persone fisiche non imprenditori o professionisti che le hanno acquistate; 
  • compensi a stranieri per prestazioni di lavoro autonomo in Italia; 
  • compensi a stranieri per brevetti e diritti d'autore; 
  • partecipazione agli utili dei fondatori di società di capitali; 
  • compensi a sportivi professionisti per prestazioni di lavoro autonomo;
  • Sono tenuti all'adempimento sostituti d'imposta (articolo 23 D.P.R. n. 600/1973).

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

IVA mensile - Versamento

Termine ultimo per liquidazione e versamento dell'IVA relativa al mese precedente,

Sono tenuti all'adempimento Imprese ed esercenti arti e professioni in regime IVA mensile.

il codice tributo è il seguente:

  • 6008: iva agosto

Saldo IVA annuale - versamento

Termine ultimo per il versamento della settima rata (massimo 9 rate), dell'IVA relativa all'anno d'imposta 2020 risultante dalla dichiarazione IVA annuale, senza applicazione della maggiorazione a titolo di interesse corrispettivo.

Sono tenuti all'adempimento Imprese ed esercenti arti e professioni in regime IVA.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

il codice tributo da utilizzare è il seguente:

  • 6099: saldo IVA annuale 

Comunicazione Liquidazioni periodiche IVA

Termine ultimo per la presentazione della Comunicazione delle Liquidazioni periodiche IVA relative al II trimestre 2021.

Sono tenuti tutti i soggetti passivi IVA. Sono esonerati i soggetti che emettono fatture in regime di esenzione iva.

Ritenute su premi e vincite

Termine ultimo per il versamento delle ritenute sugli importi maturati nel mese solare precedente relativi a: 

  • premi di lotterie, tombole, pesche a favore di enti e comitati di beneficenza; 
  • premi di giochi di abilità in spettacoli televisivi e altre manifestazioni; 
  • premi, superiori a euro 51,65, per competizioni sportive; 
  • altre vincite e premi (esclusi lotto, lotterie nazionali e totocalcio), comprese le operazioni a premio; 
  • premi di cultura ad autori di opere se non ceduti a chi premia.

Il versamento va fatto, utilizzando il Modello F24, esclusivamente in via telematica.

I codici tributo utili per effettuare il versamento sono i seguenti:

  • 1046: premi di lotterie, tombole, pesche a favore di enti e comitati di beneficenza; 
  • 1047: premi di giochi di abilità in spettacoli televisivi e altre manifestazioni; 
  • 1047: premi, superiori a euro 51,65, per competizioni sportive; 
  • 1048: altre vincite e premi (esclusi lotto, lotterie nazionali e totocalcio), comprese le operazioni a premio; 
  • 1048: premi di cultura ad autori di opere se non ceduti a chi premia

27 settembre 2021

 

Elenchi Intrastat - mensili

Sono tenuti all'adempimento gli operatori intracomunitari con obbligo mensile.

Le sanzioni amministrative sono le seguenti:

  • Omessa presentazione: da 500 euro a 1000 euro
  • presentazione tardiva entro 30 giorni dalla richiesta dell'ufficio: da 250 euro a 500 euro
  • presentazione elenco inesatto: da 500 euro a 1000 euro
  • regolarizzazione di errori dopo la richiesta dell'ufficio: 100 euro.

Mediante il ravvedimento operoso può essere regolarizzata la posizione versando, mediante F24:

  • euro 55,56 per invio tardivo entro i 90 giorni dalla scadenza
  • euro 62,50 entro il termine di presentazione della dichiarazione iva
  • euro 71,42 per tardivo invio entro il termine di presentazione della dichiarazione iva relativa all'anno successivo.

 

 

Riferimenti normativi:

  • Direttiva 2006/112/ CE;
  • D.L. 23/01/1993, n. 331, art.50, comma 6;
  • D.M. 22/02/2010; D.L. 244/2016;
  • Determinazione Agenzia delle Dogane 22778/RU del 22/02/2010,
  • Provvedimento Ade 194409 del 25/09/2017;
  • Determina Agenzia delle Dogane 13799 del 08/02/2018

 

30 settembre 2021

Termine ultimo per il versamento della quarta rata delle imposte:

  • della quarta rata per le PF che hanno versato la prima rata entro il 30 giugno (interessi 0,99%);

  • della quarta rata per le PF  che hanno versato la prima rata - con maggiorazione dello 0,40% -entro il 30 luglio (interessi 0,66%)

La sanzione amministrativa per l'omesso o insufficiente versamento dell'imposta è pari al 30% dell'ammontare non versato.

I codici tributo utili per eseguire il versamente sono i seguenti:

  • 4033: IRPEF acconto prima rata;
  • 4001: IRPEF saldo;
  • 3800: IRAP saldo;
  • 3812: IRAP acconto prima rata;
  • 1668: interessi pagamento dilazionato importi rateizzabili;
  • 3805: interessi pagamento dilazionato tributi regionali

Termine ultimo per la presentazione telematica all'Agenzia delle Entrate del Modello 730/2020. Il modello può essere presentato:

  • direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate (modello 730 Precompilato)

  • dal proprio Sostituto d’imposta

  • dal CAF dipendente o da un professionista abilitato

Termine ultimo per aderire al servizio di consultazione delle proprie e-fatture emesse e ricevute. Il termine, fissato per il 31 ottobre 2019, è slittato alla data odierna per poter definire, dal punto di vista tecnico ed in collaborazione con il Garante della Privacy, la corretta protezione dei dati personali "a tutela dei diritti e delle libertà degli interessati" .

Oltre tale data le fatture elettroniche dei soggetti che non hanno aderito al servizio non saranno più consultabili ed i file xml verranno cancellati entro 60 giorni dal termine del periodo transitorio

Infatti, con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate n. 524526 del 21 dicembre 2018, fu prevista l’introduzione di una specifica funzionalità, resa disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, per consentire agli operatori IVA - o un intermediario appositamente delegato - ovvero al consumatore finale di aderire espressamente al servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”.

 

Qui di seguito il testo del Messaggio INPS n° 2761 del 29 luglio 2021:

L’articolo 1, comma 20, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, al fine di ridurre gli effetti negativi causati dall'emergenza epidemiologica da COVID-19 sul reddito dei lavoratori autonomi e dei professionisti e di favorire la ripresa della loro attività, ha previsto il finanziamento di una misura di esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell'INPS e dai professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103.

L’esonero spetta ai lavoratori che abbiano percepito nel periodo d'imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro e abbiano subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell'anno 2020 non inferiore al 33 per cento rispetto a quelli dell'anno 2019.

Il decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle finanze, del 17 maggio 2021, numero repertorio 82/2021, pubblicato sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali in data 27 luglio 2021, emanato ai sensi dell’articolo 1, comma 21, della legge n. 178/2020, ha definito i criteri e le modalità per la concessione dell'esonero in argomento.

I soggetti interessati dal beneficio iscritti alle gestioni dell’INPS (gestioni autonome speciali degli artigiani, dei commercianti, dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri; gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335 e che dichiarano redditi ai sensi dell’articolo 53, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, c.d. TUIR, e i professionisti e altri operatori di cui alla legge 11 gennaio 2018, n. 3, già collocati in pensione) devono presentare apposita istanza di esonero da inviare all’Istituto.

Come condiviso con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, in considerazione della tempistica di definizione e pubblicazione del citato decreto interministeriale, la presentazione della domanda di esonero – il cui termine è stato stabilito alla data del 31 luglio 2021 dagli articoli 2, comma 5, e 4, comma 1, del medesimo decreto - dovrà avvenire a pena di decadenza entro il giorno 30 settembre 2021.

Le rate non versate a partire dal 28 febbraio 2020 dovranno essere così corrisposte:

  • entro il 31 luglio 2021 (2 agosto), relativamente alle rate in scadenza  il 28 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020;
  • entro il 31 agosto 2021, relativamente alla rata in scadenza  il 31 maggio 2020;
  • entro il 30 settembre 2021, relativamente alla rata in  scadenza il 31 luglio 2020;
  • entro il 31 ottobre 2021, relativamente alla rata in scadenza il 30 novembre 2020;
  • entro il 30 novembre 2021, relativamente alle rate  in  scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021

Riferimento normativo:

  • art. 1 sexies legge 106/2021

Termine ultimo per la trasmissione al Sistema TS dei dati delle spese sanitarie sostenute dalle persone fisiche nel primo semestre 2021 (scadenza fissata per il 31/07 che, però, cade di sabato) ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.

Sono tenuti i seguenti soggetti: 

  • Aziende sanitarie locali (ASL); 
  • aziende ospedaliere;
  • istituti di ricovero e cura a carattere scientifico; 
  • policlinici universitari; 
  • farmacie pubbliche e private; 
  • presidi di specialistica ambulatoriale;
  • strutture per l'erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa; 
  • altri presidi e strutture accreditati per l'erogazione dei servizi sanitari; 
  • strutture autorizzate per l'erogazione dei servizi sanitari e non accreditate al SSN; 
  • iscritti all'Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri; 
  • iscritti agli Albi professionali degli psicologi; 
  • iscritti agli Albi professionali degli infermieri; 
  • iscritti agli Albi professionali delle ostetriche/i; 
  • iscritti agli Albi professionali dei tecnici sanitari di radiologia medica;
  • esercenti l'arte sanitaria ausiliaria di ottico; 
  • esercizi commerciali che svolgono l'attività di distribuzione al pubblico di farmaci ai quali è stato assegnato dal Ministero della Salute il codice identificativo univoco (parafarmacie).

La comunicazione dev'essere effettuata esclusivamente in via telematica sul portale dedicato al Sistema TS

scadenze di ottobre >>>            

Cosa cerchi?

A chi ci rivolgiamo

Vuoi conoscerci meglio? O chiederci informazioni su un prodotto?


Punto Informatico Srl - Via Trieste 89, 31020 Villorba TV

C.F. - P.IVA 03204990265 - Ufficio delle imprese di TV - REA 227660 - Capitale sociale e quota versata € 10.400,00

Telefono: +39 0422 303171 - e-mail: info@pitv.it - PEC: pec@pec.pitv.it