Sistemistica - la regola del 3-2-1 backup

Cos’è e come applicare la regola del 3-2-1 backup

Tutti gli utenti dovrebbero avere un backup dei propri dati a disposizione. Questo principio vale per qualsiasi ambiente sia esso fisico come per esempio Mac, PC, Smartphone, o Virtuale/Cloud indipendentemente dalla piattaforma utilizzata: i backup sono fondamentali.
Una delle strategie cardine in grado di aiutare nell’affrontare qualsiasi scenario di disastro è la regola del 3-2-1 backup. Questo approccio infatti aiuta a rispondere a due domande essenziali nella conservazione dei propri dati: quanti file di backup dovrei avere e dove dovrei conservarli?
La regola del 3-2-1 Backup è diventata celebre grazie allaffermazione che ci sono due tipi di persone: quelle che hanno già avuto un guasto a livello di storage e quelle che ne avranno uno in futuro. In poche parole, la regola 3-2-1 dice che si dovrebbe:
  • Possedere almeno tre copie dei vostri dati.
  • Conservare le copie su due supporti diversi.
  • Conservare una copia del backup off-site.
 
 
Prendiamo in esame più dettagliatamente ciascuno di questi punti.
 
1. Possedere almeno tre copie dei dati
Per tre copie si intende che, oltre ai dati primari, è necessario dotarsi di almeno due ulteriori backup.
Vi chiederete perché non basta un solo backup?
Immaginate di conservare i dati sul dispositivo n° 1 e il loro backup sul dispositivo n° 2. Se per esempio le probabilità di guastarsi del primo dispositivo sono 1 su 100 (e lo stesso vale per il secondo dispositivo), la probabilità che entrambi i dispositivi si guastino contemporaneamente è la seguente:
1/100 * 1/100 = 1/10.000
Ciò significa che se i dati si trovano sul dispositivo n° 1 e i due backup rispettivamente sui dispositivi n° 2 e 3, nel caso in cui tutti i dispositivi presentino le stesse caratteristiche e nessuna causa di guasto comune, la probabilità che tutti e tre i dispositivi si guastino contemporaneamente è la seguente:
1/100 * 1/100 * 1/100 = 1/1.000.000
Ecco perché avendo più copie dei dati si riduce il rischio di perdere i dati in caso di disastro. In breve, se i dati hanno un’importanza critica, si consiglia fortemente di avere almeno due copie di backup.

2. Conservare le copie su due supporti diversi (in luoghi diversi)
Nella precedente sezione abbiamo presupposto che non vi fossero cause di guasto comuni per i dispositivi su cui sono conservati i dati.
Questo requisito non può essere soddisfatto se si salvano nello stesso posto i dati e il loro backup come per esempio i dischi di uno stesso sistema NAS, non essendo questi statisticamente indipendenti.
In aggiunta, a livello statistico non è raro che dopo il guasto di un disco se ne guasti pressoché in contemporanea un altro contenuto nello stesso dispositivo di storage in quanto appartenenti alla stessa partita di produzione e aventi la stessa usura.
Ecco perché la regola 3-2-1 prevede che si conservino copie dei dati almeno su due tipologie di storage diversi, ad esempio un disco rigido interno e un supporto rimovibile come per esempio dischi rigidi esterni, unità USB, RDX, DVD ), oppure su due dischi rigidi situati presso due sedi diverse.
 
3. Conservare una copia del backup off-site
La separazione fisica tra le copie dei dati è essenziale. Non è una buona idea conservare il dispositivo di backup esterno nella stessa stanza o zona dello storage di produzione. In caso di incendio, furto o qualunque situazione già analizzata in questo articolo si perderebbero tutti i dati. Per le piccole imprese o gli utenti privati senza sedi remote in cui archiviare copie dei dati per esempio in formato RDX, un’opzione interessante è senz’altro rappresentata dalla conservazione dei backup nel cloud.

La regola 3-2-1-0 backup
La regola 3-2-1 è generica ed applicabile a tutti i tipi di dati siano essi personali o aziendali, così come a tutti i tipi di ambienti o device (fisici e virtuali). Ad oggi questo non è più sufficiente. Quando si esegue il backup di ambienti Mission Critical come server questa regola deve diventare la “regola 3-2-1-0 backup”, dove 0 significa “0 errori” durante la verifica automatica della ripristinabilità del backup, garantendone di fatto l’effettiva possibilità di ripristino.
 
Come controllare che tutto funzioni?
 
Utilizzare un software di backup professionale con funzionalità disaster recovery
Verificare il risultato del backup con un monitoraggio quotidiano
Effettuare almeno due prove di ripristino all'anno
 
E voi, applicate la regola del 3-2-1 Backup nel vostro ambiente?

RICHIEDI INFORMAZIONI

  Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/ 2003 (Codice Privacy) e dell'art. 13 del Regolamento Ue n. 679/2016 (General Data Protection Regulation – GDPR) dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ed acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

Iscriviti alla nostra Selection per essere sempre aggiornato sulle ultime novità