Dichiarazioni d’intento: nuovi controlli

Dichiarazione di intento

Dal 1° gennaio 2022 cambieranno le regole per la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere e verrà reso obbligatorio l’utilizzo di appositi campi del tracciato Xml per comunicare le informazioni relative alle lettere d’intento ricevute.  

L’Agenzia delle Entrate, con due distinti provvedimenti (n.293384 e n.293390), ha individuato le modalità operative di compilazione delle fatture elettroniche cui i soggetti passivi dovranno attenersi per far fronte ai nuovi adempimenti richiesti.

 

Operazioni transfrontaliere 

Dal 1° gennaio 2022 (salvo proroga al 1° luglio 2022, già inserita nel decreto fiscale da approvare a fine anno), i dati delle operazioni verso e da soggetti non stabiliti in Italia dovranno essere obbligatoriamente inviati utilizzando il tracciato Xml della e-fattura. 

Per quanto riguarda le fatture emesse continueranno a prevedere l’indicazione del codice convenzionale a sette “X” nel campo “Codice destinatario” mentre per le operazioni passive estere l’integrazione o l’autofattura andranno inviate utilizzando i tipi documento TD17, TD18 e TD19.

 

Lettere di intento 

A decorrere dal 1° gennaio 2022, i soggetti che intendono effettuare acquisti non imponibili Iva, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, trasmettendo all’Agenzia delle entrate per via telematica una dichiarazione d’intento, verranno sottoposti ad ulteriori procedure di analisi di rischio e di controllo, allo scopo di verificare il possesso dei requisiti per esser qualificati esportatori abituali, ai sensi dall’articolo 1, comma 1, lettera a), D.L. 746/1983, convertito, con modificazioni, dalla L. 17/1984. 

La legge di Bilancio 2021 infatti prevede una serie di specifiche analisi di rischio per un maggior contrasto alle frodi che utilizzano un falso plafond Iva. Sono rafforzati i controlli allo scopo di verificare l’effettivo possesso dei requisiti per essere qualificati esportatori abituali e viene inibita l’emissione di fatture elettroniche che, all’interno del tracciato Xml, contengano l’indicazione di un numero di protocollo relativa a una lettera d’intento invalidata.

 

Operativamente: 

Dal 1° gennaio 2022 il provvedimento direttoriale richiede oltre all’indicazione nel campo Natura del codice specifico “N3.5 – Non imponibile a seguito di dichiarazioni di intento” che dovrà essere compilato lo specifico blocco 2.2.1.16 per ogni dichiarazione d’intento, come di seguito specificato: 

  • nel campo 2.2.1.16.1 deve essere riportata la dicitura “INTENTO” 
  • nel campo 2.2.1.16.2 deve essere riportato il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento e il suo progressivo separato dal segno “-” oppure dal segno “/” ( es. 08060120341234567-000001) 
  • nel campo 2.2.1.16.4 deve essere riportata la data della ricevuta telematica rilasciata dall’Agenzia delle entrate e contenente il protocollo della dichiarazione d’intento.

 

Aree di intervento e le attività di controllo 

In particolare, la norma ha introdotto due macro-aree di intervento: 

  • attivare specifiche analisi di rischio e conseguenti attività di controllo allo scopo di inibire il rilascio e invalidare le lettere d’intento illegittime da parte di falsi esportatori abituali; 
  • Impedire l’emissione della fattura elettronica recante il titolo di non imponibilità ai fini Iva ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c), D.P.R. 633/1972, nel caso in cui questa riporti un numero di protocollo relativo a una lettera d’intento invalidata. 


L’Agenzia delle Entrate invierà al soggetto emittente una comunicazione che riporta il protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento invalidata e le relative motivazioni. La comunicazione sarà trasmessa mediante messaggio di posta elettronica certificata. 

L’attività di controllo può portare anche al divieto di emissione di nuove dichiarazioni d’intento: in tal caso, viene rilasciata una ricevuta di scarto contenente indicazioni delle motivazioni che hanno causato l’inibizione e l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate a cui il contribuente potrà presentare la documentazione per dimostrare il possesso dei requisiti dell’esportatore abituale.

 

L’offerta di Punto Informatico

I nostri gestionali, come eBridge e Openmanager, sono già predisposti per la corretta emissione delle fatture elettroniche con l’indicazione dei dati della dichiarazione d’intento nello specifico blocco previsto dall’Agenzia delle Entrate e per l’emissione automatica delle autofatture per le operazioni transfrontaliere.

Condividi l'articolo!

Data:

Categorie:

Continua la lettura

Rimani aggiornato sulle news e gli eventi

Aggiorniamo il nostro blog con importanti notizie per commercialisti e liberi professionisti

Vuoi ricevere anche le novità per i commercialisti?*

Informativa sul trattamento dei dati personali

PUNTO INFORMATICO SRL con sede in via Trieste, 89, 31020 a Villorba (TV) in qualità di titolare del trattamento dei dati personali (di seguito “Titolare”), rilascia la presente informativa all’Interessato nel rispetto della disciplina europea e italiana in materia di protezione dei dati personali.

La presente informativa integra la policy di navigazione del nostro sito, allo scopo di illustrare all’Utente come la Società tratterà nello specifico i dati inseriti nel presente form di contatto: si invita pertanto a prendere visione della nostra privacy policy https://www.pitv.it/privacy-policy

Finalità e base giuridica del trattamento

Il Titolare tratta i dati personali per diverse finalità:

  1. rispondere alle richieste inoltrate attraverso il presente form, ad esempio per ottenere informazioni su propri prodotti o servizi (compreso l’invio della brochure, del catalogo e/o di altro materiale informativo aziendale), per avere un preventivo, ecc.: in questo caso il consenso non è richiesto perché il trattamento è necessario per dare riscontro a tali richieste;
  2. utilizzare i recapiti mail dell’Interessato per inviare via e-mail la newsletter contenente informazioni sui propri prodotti o servizi, nonché promozioni o inviti ad eventi ai quali parteciperà: per tale finalità è necessario il consenso espresso dell’Interessato.
Periodo di conservazione dei dati

Il Titolare intende trattare i dati secondo i seguenti criteri temporali:

  • qualora fossero richieste informazioni, i dati saranno trattati per il tempo necessario a dare riscontro; qualora fosse richiesto un preventivo, invece, i dati saranno trattati per un tempo massimo pari al doppio del periodo di efficacia della proposta, fatta salva l’ulteriore conservazione per il tempo necessario alla definizione (comunque raggiunta) delle controversie eventualmente insorte;
  • per la finalità di cui al punto 2, il Titolare tratterà i dati sino alla cessazione del servizio o all’eventuale richiesta di disiscrizione, se precedente.

In ogni caso, per ragioni tecnico/organizzative il trattamento durerà per 30 giorni dai termini sopra indicati.

Natura del conferimento dei dati e conseguenze in caso di rifiuto

Il conferimento dei dati per le finalità di cui al punto 1) è necessario e pertanto l'eventuale rifiuto a fornirli in tutto o in parte può dar luogo all'impossibilità per il Titolare di perseguire le sopra indicate finalità. Il conferimento per le ulteriori finalità è facoltativo: in mancanza, il Titolare non potrà effettuare le corrispondenti attività ma sarà comunque legittimato a perseguire le finalità di cui al punto 1).

Categorie dei destinatari

Il Titolare non diffonderà i dati, ma intende comunicarli a figure interne autorizzate al trattamento in ragione delle rispettive mansioni, nonché a società del Gruppo, agenti di commercio, istituti di credito, società di assicurazione del credito, di recupero credito, di informazioni commerciali, di factoring, di consulenza, ad associazioni e/o organizzazioni imprenditoriali, a professionisti o società di servizi, oltre che ad Enti Pubblici e privati, anche a seguito di ispezioni e verifiche.

Tali destinatari, ove dovessero trattare dati per conto del Titolare, saranno nominati responsabili del trattamento con apposito contratto o altro atto giuridico.

Trasferimento dati verso un Paese terzo e/o un’organizzazione internazionale

I dati personali non saranno oggetto di trasferimento né verso Paesi terzi non europei né verso organizzazioni internazionali.

Diritti degli interessati

L’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare di accedere ai propri dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, di opporsi al loro trattamento per legittimi interessi perseguiti dal Titolare, nonché di ottenere la portabilità dei dati personalmente forniti solo se oggetto di un trattamento automatizzato basato sul consenso o sul contratto. L’interessato ha altresì il diritto di revocare il consenso prestato per le finalità di trattamento che lo richiedono, ferma restando la liceità del trattamento effettuato sino al momento della revoca.

Per esercitare i propri diritti, l’Interessato può utilizzare il modulo qui e inoltrarlo al Titolare al seguente recapito: privacy@pitv.it. L’Interessato ha anche il diritto di proporre reclamo all’autorità di controllo competente in materia, Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).

Ultimo aggiornamento: Novembre 2022.

Presa visione della sopra esposta informativa, chiedo di essere iscritto al servizio di Newsletter di PUNTO INFORMATICO SRL contenente informazioni sui propri prodotti o servizi, nonché promozioni o inviti ad eventi ai quali parteciperà.