Informatica, strumenti e metodi per far crescere il tuo business

 

          

Investire al femminile con il Fondo Impresa Femminile

Il governo investe a favore delle imprese femminili, siamo pronti a cogliere questa opportunità?

Il 14 dicembre è stato pubblicato il decreto interministeriale del 30 settembre che disciplina le modalità di intervento del Fondo a sostegno dell’impresa femminile.

Un fondo istituito già dalla legge 30 dicembre 2020, n. 178 (Legge di bilancio per il 2021) con l’obiettivo di promuovere e sostenere “l'avvio e il rafforzamento dell'imprenditoria femminile, la diffusione dei valori dell'imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e di massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese.”

Dotazioni e soggetti interessati

Con una dotazione di 40 milioni di euro, il Fondo è istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, che si avvale, in qualità di Soggetto gestore, dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia.

Il Fondo è volto a sostenere le donne nelle loro attività imprenditoriali (imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome) di qualsiasi dimensione, con sede legale e/o operativa sul territorio nazionale, già costituite o di nuova costituzione, attraverso la concessione di agevolazioni nell’ambito di una delle due seguenti linee di azione:

  • incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese destinati alle imprese femminili e le lavoratrici autonome che hanno iniziato la loro attività da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione o le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile;
  • incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese destinati alle imprese femminili e alle lavoratrici autonome che hanno iniziato la loro attività da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Alla domanda di contributi deve essere allegato il programma di investimento per la costituzione e l’avvio di nuove attività imprenditoriali femminili ma anche per il loro sviluppo e il consolidamento, nei seguenti settori:

  • produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  • commercio e turismo.

Le iniziative devono essere realizzate entro ventiquattro mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili non possono essere superiori

  • a 250.000,00 euro al netto d’IVA per i programmi di investimento che prevedono la costituzione e l’avvio di una nuova impresa femminile;
  • a 400.000,00 euro al netto d’IVA per i programmi di investimento volti allo sviluppo e al consolidamento di imprese femminili.

Le agevolazioni possono essere cumulate con altri aiuti di Stato, nei limiti previsti dalla disciplina europea in materia di aiuti di Stato di riferimento (art. 22 del Regolamento (UE) n. 651/2014 GBER e Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione (Regolamento «de minimis») e assumono la forma del contributo a fondo perduto e del finanziamento agevolato, anche in combinazione tra loro. Il finanziamento, della durata massima di 8 anni, è a tasso zero e non è assistito da forme di garanzia.

Le spese ammissibili alle agevolazioni comprendono:

  • le spese relative a immobilizzazioni materiali e immateriali;
  • servizi cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  • personale dipendente;
  • esigenze di capitale circolante (alle condizioni e nei limiti stabiliti dal decreto interministeriale).

Oltre alle precedenti agevolazioni, le imprese beneficiarie potranno accedere a servizi di assistenza tecnico-gestionale, fino all’importo massimo di 5.000,00 euro per impresa fruibile in parte attraverso servizi erogati dal Soggetto gestore, in parte in forma di voucher per l’acquisto di servizi specialistici presso terzi.

Termini e modalità di presentazione delle domande

Le agevolazioni sono concesse con una procedura valutativa a sportello e le domande di agevolazione devono essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione in un’apposita sezione del sito internet del Soggetto gestore, www.invitalia.it

L’apertura dei termini, le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione saranno definite dal Ministero dello sviluppo economico con successivo provvedimento, con il quale saranno, altresì, fornite le necessarie specificazioni per la corretta attuazione degli interventi.

Per maggiori informazioni sulle disposizioni normative vai al bando.

Punto Informatico è disponibile a studiare le soluzioni informatiche ottimali per il tuo progetto d’impresa e affianca aziende e professionisti con la propria competenza e professionalità in ambito IT. Contattaci!

 

Rimani aggiornato su eventi e news!

Ultime News

Le scadenze del mese

Gennaio 2022

I termini e le scadenze fiscali per gli adempimenti previsti nel mese di gennaio

Storie di successo

Studio dott. Cateni: un partner per la tua efficienza

Investire sulla propria professionalità: I momenti cruciali e le decisioni che hanno fatto diventare un cliente una storia di successo.

Selection hardware del mese

Selection di Gennaio 2022

Abbiamo selezionato i migliori PC e notebook in promozione per te

Il prodotto del mese

Il prodotto del mese di gennaio

Questo mese lo dedichiamo al software gestionale OpenManager

Cosa cerchi?

A chi ci rivolgiamo

Vuoi conoscerci meglio? O chiederci informazioni su un prodotto?


Punto Informatico Srl - Via Trieste 89, 31020 Villorba TV

C.F. - P.IVA 03204990265 - Ufficio delle imprese di TV - REA 227660 - Capitale sociale e quota versata € 10.400,00

Telefono: +39 0422 303171 - e-mail: info@pitv.it - PEC: pec@pec.pitv.it